20220901_121909_edited.jpg

Corso Formazione
RSPP Modulo C

Modalità

Durata: 24 ore 

Didattica: Piattaforma E-Learning accessibile 24h/24 e 7gg./7.

Materiale didattico: Kit consegnato in aula

Attestato: invio tramite e-mail a fine corso

Docenti: Formatori in possesso dei requisiti professionali, ai sensi del DM del 6 Marzo 2013

Descrizione

Il Corso RSPP Modulo C è disciplinato dall’art. 32 comma 2 del D.Lgs. 81/08, correttivo D.Lgs. 106/09 e dall’Accordo Stato-Regioni del 07 luglio 2016.

Per poter frequentare il Corso di Formazione RSPP Modulo C 24 ore è necessario avere conseguito il titolo di formazione relativo al corso RSPP Modulo A di 28 ore e al corso RSPP Modulo di B di 48 ore, oppure avere l'esonero dai predetti moduli possedendo uno dei titoli di laurea riportati nell'allegato 1 dell'Accordo Stato Regioni 07 luglio 2016 (Ingegneria, Architettura, Scienze della Prevenzione) o l'esonero dai predetti moduli possedendo l'abilitazione come Coordinatore della Sicurezza nei Cantieri (CSP-CSE).

Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione è una figura obbligatoria in ogni azienda privata ed enti pubblici in cui siano presenti lavoratori o soggetti ad essi equiparati (tirocinanti, soci lavoratori, ecc…).

L’azienda può nominare una persona all'interno o decidere di rivolgersi a un esperto esterno, in entrambi i casi si devono possedere i requisiti di cui all'art. 32 del D.Lgs. 81/08.

Il Corso RSPP modulo C è obbligatorio per i soli RSPP ed è finalizzato a sviluppare le capacità gestionali e relazionali per progettare processi formativi, pianificare e gestire misure tecniche, diffondere la cultura della sicurezza e la partecipazione dei soggetti coinvolti nel sistema organizzativo, in applicazione al D.Lgs. 81/08 e all'accordo Stato-Regioni del 7 luglio 2016.

 

Programma Corso

(Conforme all'Accordo Stato-Regioni 07 luglio 2016)

Modulo 1 (8 ore)

a) Presentazione e apertura del Corso

  • Gli obiettivi didattici del modulo.

  • L'articolazione del corso in termini di programmazione.

  • Le metodologie impiegate.

  • Il ruolo e la partecipazione dello staff.

  • Le informazioni organizzative.

  • Presentazione dei partecipanti.

 b) Ruolo dell'informazione e della formazione

  • Dalla valutazione dei rischi alla predisposizione dei piani di informazione e formazione in azienda (D.lgs. 81/08 e altre direttive europee).

  • Le fonti informative su salute e sicurezza del lavoro.

  • Metodologie per una corretta informazione in azienda (riunioni, gruppi di lavoro specifici, conferenze, seminari informativi, ecc.).

  • Strumenti di informazione su salute e sicurezza sul lavoro (circolari, cartellonistica, opuscoli, audiovisivi, avvisi, news, sistemi di rete, ecc).

  • La formazione: il concetto di apprendimento.

  • Le metodologie didattiche attive: analisi e presentazione delle principali metodologie utilizzate nell'androgogia.

  • Elementi di progettazione didattica: analisi del fabbisogno, definizione degli obiettivi didattici, metodologie didattiche, sistemi di valutazione dei risultati della formazione in azienda.

 

Modulo 2 (8 ore)

Organizzazione e sistemi di gestione

a) La valutazione del rischio come:

  • processo di pianificazione della prevenzione;

  • conoscenza del sistema di organizzazione aziendale come base per l'individuazione e l'analisi dei rischi con particolare riferimento ad obblighi, responsabilità e deleghe funzionali ed organizzative;

  • elaborazione dei metodi per il controllo dell'efficacia ed efficienza nel tempo dei provvedimenti di sicurezza adottati.

b) Il sistema di gestione della sicurezza: linee guida UNI-INAIL integrazione confronto con norme e standard (OSHAS 18001, ISO, ecc.).

c) Il processo di miglioramento continuo.

d) Organizzazione e gestione integrata:

  • sinergie tra i sistemi di gestione della qualità (ISO 9001), ambiente (ISO 14001), sicurezza (OSHAS 18001);

  • procedure semplificate MOG (d.m. 13/02/2014);

  • attività tecnico amministrative (capitolati, percorsi amministrativi, aspetti economici);

  • programma, pianificazione e organizzazione della manutenzione ordinaria e straordinaria.

e) La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche (D.Lgs. 231/01): ambito di operatività e effetti giuridici (art. 9 legge n. 123/07).

Modulo 3 (4 ore)

a) Il sistema delle relazioni e della comunicazione:

  • Il sistema delle relazioni: RLS, datore di lavoro, medico competente, lavoratori, enti pubblici, fornitori, lavoratori autonomi, appaltatori, ecc.

  • Caratteristiche ed obiettivi che incidono sulle relazioni.

  • Ruolo della comunicazione nelle diverse situazioni di lavoro.

  • Individuazione dei punti di consenso e disaccordo per mediare le varie posizioni.

  • Cenni ai metodi, tecniche e strumenti della comunicazione.

  • La rete di comunicazione in azienda.

  • Gestione degli incontri di lavoro e della riunione periodica.

  • Chiusura della riunione e pianificazione delle attività.

  • Attività post-riunione.

  • La percezione individuale dei rischi.

b) Aspetti sindacali:

  • Negoziazione e gestione delle relazioni sindacali.

  • Art.9 della legge n. 300/1970.

  • Rapporto fra gestione della sicurezza e aspetti sindacali.

c) Criticità e punti di forza.

Modulo 4 (4 ore)

Benessere organizzativo compresi i fattori di natura ergonomica e da stress lavoro correlato:

a) Cultura della sicurezza:

  • analisi del clima aziendale;

  • elementi fondamentali per comprendere il ruolo dei bisogni nello sviluppo della motivazione delle persone.

b) Benessere organizzativo:

  • motivazione, collaborazione, corretta circolazione delle informazioni, analisi delle relazioni, gestione del conflitto;

  • fattori di natura ergonomica e stress lavoro correlato.

c) Team building

  • aspetti metodologici per la gestione del team building finalizzato al benessere organizzativo.

 

 

 

Modalità d'Iscrizione e costo di partecipazione

Per le iscrizioni ai corsi clicca sul pulsante CHIEDI INFORMAZIONI presente nella pagina e compila il form per la richiesta di informazioni.

 

Attestati

 

Ad ogni partecipante viene rilasciato il certificato delle competenze acquisite ai sensi delle leggi vigent e sarà inviato tramite e-mail a fine corso.

Gli attestati costituiscono titolo di Qualificazione Professionale e sono validi su tutto il territorio nazionale secondo i termini di legge previsti.

L'attestato è identificato tramite un “Codice Univoco di Autenticità” e “QR Code” per il riconoscimento automatico da parte di tutti gli organi di controllo.

Incontro in cantiere